jeudi 1 novembre 2012

Fumo bianco II : Santa Cecilia in Trastévere !

per Jean-Jacques COURTEY, Dottore in Geografia Economica
___________________________

Santa Cecilia in Trastévere in Roma è un sede cardinalice vacante attualmente.
Ha avuto nel passato la sua ora di gloria con Simon di Brion (verso 1210 - 1285), questo francese diventato Papa sotto il nome di Martin IV (1281 - 1285).
Cio' puo' essere un punto importante a sottolineare, rispetto al nostro recente articolo dedicato al "Cardinale Segreto".

Il quartiere del Trastévere è  molto animato e illuminato la notte. Si trova degli eccelente ristoranti : possiamo attestare. Ne abbiamo custodito il migliori ricordarsi in iuglio 2004, mentre soggiornavamo più lontano un poco, Via della Conciliazione (a due passi del Vaticano).

Santa Cecilia in Trastévere ha la particolarità di essere annessa direttamente a San Pietro di Roma.
Durante il suo pontificato, Martin IV, il giurista, ha provato a mettere un termine al grande scisma di 1054 tra la Chiesa di Roma e la Chiesa di Oriente (Bizencia). Ma non è giunto, perché gli era contato ed il suo regno fu troppo corto.

Gli anatemi reciproci sono stati sollevati infine nel 1965 da Paolo VI ed il patriarca greco Athenagoras I. Ed il patriarca russo Alexis II è venuto alla Nostra Signora di Parigi nel 2007 per venerare le reliquie della passione del Cristo. Cosi' i rapporti tra le due Chiese sono essi di ordine oecumenico, verso la riconcilazione finale che resta tuttavia a compiere.




Santa Cecilia in Trastévere è un luogo altamente frequentato dai turisti francesi in Roma.
La delicata statua in marmo di Santa Cecilia - in posizione distesa - di Stefano Maderno (1600), li affascina in più alto punto.

Il suo corpo fu ritrovato in 1599 in occasione di perquisizioni archeologiche : miracolosamente era stato conservato intatto centinaia di anni. La commemorazione reiterata del suo martirio fatto della padrona della musica il simbolo del complesso dialogo con gli angeli.

Forse questo dovuto è alla musica celeste che desiderano sentire come Cecilia, quando incontrava un angelo diventato il suo amante divino, segondo "La leggenda dorata" di Iaccopo da Varazze (1260) ?

Del secondo o terzo secolo dove viveva Santa Cecilia nella Roma ancora pagana ai nostri giorni, tante cose hanno cambiato. Tuttavia, c'è al suo riguardo una permanenza attestata delle manifestazioni della fede che puo' sembrare propriamente stupefacente. Fa sempre dei miracoli oggi !

Aucun commentaire:

Enregistrer un commentaire