samedi 13 mai 2017

Budda non ha detto tutto : che rivelare sul "Paradiso di lapislazzuli" ?

per Jean-Jacques COURTEY, Dottore in Geografia Economica, Ph. D
traduce dell'inglese ed adattato in italiano per sé
________________________________________


Ha la traduzione e l'addatamento in italiano di un articolo che habbiamo pubblicato su "Global Politics and Economics" il 5 gennaio 2016 ('Buddha didn't say everything : what's up with the "Paradise of lapis-lazuli" ?') .
Riguarda la preoccupazione maggiore di Budda, que non era affato la reincarnazione, ma la no-reincarnazione estrema ed il fatto di avere la fortuna di essere trasportato infine in un paradiso particolare al termine di questa vita terrestre, che denominava "il Paradiso di lapislazzuli" !
Pubblichiamo questa traduzione in occasione delle celebrazione del centenario delle apparizione della Vergine Maria, a Fatima (Portogallo) a partire del 13 maggio 1917.
Jacinta e Francisco Marto, due dei tri piccoli pastori di Fatima morti in basso età dell'influenza spagnola, hanno appena canonizzati, mentra il caso di Lucia aspetterà ancora un poco. Lucia de Jesus dos Santos (1907 - 2005) era l'ultima depositoria del famoso terzo segreto di Fatima, che cerca sempre disparatamente di scongiurare (Apocalisse riguardo Roma e la sua ragazza maggiore, per cio' che è conosciuto). Il primo segreto dava una visione precisa dell'inferno col suo mare di Fuoco che trasporta le anime perse ed i demoni, ed il secondo segreto avento munto ad una guerra più terrible che la prima guerra mondiale.

                                                       ******

Il vero oggetto di Budda (il Principe Indiano Cakyamuni), non è stato mai spesso la reincarnazione e le sue leggi illogiche.
Sé ha perso a più riprese dei discepoli quando gli fu chiesto se credeva nella reincarnazione : ad ogni volta, impiego' molto tempo a rispondere ...per dire finalmente "Non so" !
E questo è conosciuto molto dalla scuola di buddismo Chan in Cina, che è diventata il buddismo Zen in Giappone.
Alla sua epoca (Sesto secolo anteriore Gesù Cristo), il suo scopo era di raggiungere lo stato di "Samâdhi" (il risvelio nella no-identificazione).
Diventando un Budda, questo essere-a-dire un essere sveglio, potera raggiungere il "Nirvana" (l'estrema beatitudine).
Si sa tutto cio' grazie a su cugino Ananda, che era capace recitare tutti i suoi sermoni prendando in prestito la forma dai testi sacri.
Ma Ananda, non riusciva  a sapere quale era il contenuto preciso della seguente tappa.

Lo stato di Budda ha, difatti, qualche cosa a vedere col "Paradiso di lapislazzuli".
Questo paradiso è chiamato il "Paradiso dell' ovest", ed egli tira le sue radici in una molto vecchia credenza asiatica - una credenza antidiluviana.
Per i vecchi cinesi, questa credenza era legata per esempio, direttamente al Cielo. Ed i loro imperatori come "Figli del Cielo" conoscevano evidentemente questo segreto bene custodito.
In effetti, "il Paridiso dell'ovest" è popolato di milioni di Buddas che vivono di una felicità rifinisce dopo la loro morte terrestre.
Comunque sia, Cakyamuni in quanto budda sé, voleva oltro che trovare una via accettabile per sfuggire alle fatidiche sofferenze umane, abitualmente spiegate da una non verificabile reincarnazione.

Buddha non  ha descritto mai completamente il radioso paradiso di lapislazzuli, chiamato "il Paradiso Occidentale".
Ha detto appena que si deviva recitare una parola (un nome principiante per "Am...), per rendersi in questo luogo maraviglioso.
"Amithaba" è stato trattenuto spesso come potendo aiutare a questo risveglio, attraverso l'uso di un sesto senso se ne avete uno.
Ma c'è una più vecchia tradizione con una parola principiante dello stesso modo che è estremamente potente, si avete almeno sette sensi, e che permette di trasportarvi anche certamente laggiù ancora vivente. Ma vi occorre trovarlo col vostro settimo senso !
Cio' che si sa a proposito di questo luogo paradisiaco, questo è che è riempito di alberi che sono "alberi a gioielli" !
E' il paese dove i vostri sogni più pazzi possono realizzarsi, quasi instantaneamente.
L'esistenza di questa vita idilliaca, cinto di esseri e di creature meravigliose fu narrato prima, all'epoca antidiluviana. 







Bisogna sapere che "il Paradiso di lapislazzuli" resta chiuso definitivamente alle persone meschine ed a queste che si dilettano di malevolenza e di manipolazioni dileggiatrici. Per essere salvato, bisogna essere "salvabile".
Ed egli occorre fare attenzione al tempo che passa, perché la durata della vita umano è equivalente solamente ad alcuni minuti nell'unita divina di misura temporale, anche se sembra lunga o talvolta molto lunga su Terra.
Gesù sapeva anche cio', quando ha attirato l'attenzione delle persone sul riscatto divino nel regno dei cieli, la sua concezione che è differente della revisione che ne ha fatto il Santo Paolo che modifica il senso delle sue parole, dopo la sua crucifissione e la sua ascensione.

Entrare nel "Paradiso dell'ovest" è dunque al tempo stesso facile per le persone buone e sincere - che hanno saputo restare semplici -, ed impossible per gli altri se essi o esse danno o prova di grande falsità con gli attegiamenti sprezzanti impronte di grande ipocrisia - pure affigendo una morale manipolatrice e fin troppo dogmatica.
E' un luogo dove è accordata la gioventù eterna. La bellezza, l'amore et la pienezza regnano armoniosamente. Non vi avete non notato al contrario intorno a voi, il numero de persone che invechiano molto rapidamente, e talvolta molto troppo rapidamente rispetto alla loro età reale ?
Comenciare ad avere capelli bianchi a 19 anni per esempio, o una pelle troppo secca spessa un poco più tardi, n'è non anche molto normale.

Oltre il bisogno di un' estetista, fare sparire le sue polveri mentali, o recitare dei canti consacrati per ricevere l'aiuto di "Nam" o di "Nammu" non puo essere sufficiente. Occorre che le persone cambino profondamente nel loro spirito e nel loro cuore. Molto non hanno notato del resto che "Nammu" è un nome di dea, e non una semplice interiezione di inizio di canto.
Comunque sia è probabile che certi abbiamo reincarnato in effetti in animali e dunque non automaticamente in esseri umani, se si spinge al suo termine la teoria della trasmigrazione delle anime che esaltano. Ed in questo caso, "il Paradiso di lapislazzuli" puo essere solamente difficilmente accessibile.
Se riuscite a raggiungere al contrario questa magica contrada, cio` vuole dire che la sconcertante domanda della reincarnazione è diventata senza oggetto !








Aucun commentaire:

Enregistrer un commentaire